Elogio alla svalutazione

LA SVALUTAZIONE CI HA FATTO BENE

Domenica 13 settembre 1992.

Il presidente del Consiglio, Giuliano Amato, annuncia in tv la svalutazione della lira. Dopo un’ intera estate di tensioni e dopo una estenuante, costosa battaglia per difendere il cambio, la moneta italiana perde il 7 per cento del suo valore, frutto di una svalutazione del 3,5 per cento e di una rivalutazione di egual misura di tutte le altre monete europee. Manca una settimana al referendum francese sul Trattato di Maastricht per l’ Europa del futuro. Ne mancano tre alla presentazione in Parlamento della Legge Finanziaria. Sono passati poco più di due mesi dalla nascita del governo. Amato spiega agli italiani la complessa operazione: dice e non dice, non pronuncia mai la parola svalutazione. Ma così è. La roccaforte della lira si frantuma sotto i colpi della speculazione e quel giorno, ormai un anno fa, diventa una data storica. La lira svaluta, dopo che l’ integrazione con il resto d’ Europa era andata avanti, dopo che aveva conquistato fiducia con l’ ingresso nella cosiddetta “banda stretta” dello Sme, dove siedono le valute forti. Perde il 7% del suo valore ma negozia con i partners, fino a strappare ai tedeschi la promessa di un ribasso dei tassi. L’ indomani la Bundesbank agisce. Ma sui mercati le tensioni non si placano. Tre giorni più tardi, un vertice notturno convocato d’ urgenza a Bruxelles cerca di trovare i rimedi per riportare ordine nei cambi. E’ una seduta drammatica: la sterlina esce dallo Sme; la lira deve autosospendersi. La decisione è annunciata come “temporanea”, ma ancora oggi, a un anno di distanza, la moneta italiana è lì, il disegno europeo sempre più simile a un sogno. Rientrerà? Quando? E in quale Sme visto che il vecchio meccanismo, nel frattempo, è radicalmente cambiato? ROMA – Un anno dalla svalutazione: parla il rettore della Bocconi, Mario Monti. Professore, provi a fare un bilancio e a individuare cosa può accadere.

LEGGI L’ARTICOLO ORIGINALE